Imparare a fare VLOG in 2 ore - (VIDEOCORSO)

Comunicare sul web nel 2020 non sarà importante, sarà l'unica cosa che conterà davvero nella vostra strategia di marketing.


Ma prima di capire perché credo fortemente in questa mia teoria voglio raccontarvi una brevissima storia.


Sul finale del 2017 mi capita sulla Home di Facebook un video di un ragazzo che avevo tra i miei amici virtuali da un po' di tempo. Viso pulito, occhiali con quella montatura tattica che non passa inosservata, e una telecamera puntata in faccia. Stava parlando nel video, me ne sono accorto perchè Facebook con la feature - geniale se pensiamo al risvolto che può avere nelle frequenze di rimbalzo del sito - con cui ti fa partire i video in automatico, ti permette di capire subito che aria tira.


Smuto il volume.



Quel video oggi è su Youtube e fa parte di una lunga serie di vlog, ovvero videoblog, video racconti di durata variabile in cui una persona riprende se stessa e chi gli sta intorno, interagendo con la videocamera consapevole del fatto che dopo il montaggio seguirà la condivisione con decine, centinaia, migliaia di persone.


Perchè vi ho raccontato questa storia?


Perchè oggi, a distanza di tanti mesi, Giacomo ha deciso di condividere con tutti l'esperienza acquisita in un videocorso della durata di 2 ore, disponibile sulla piattaforma Udemy, tra le più importanti quando si parla di formazione online.



Per noi di Ownidea Giacomo ha riservato 10 posti per questo corso ad un prezzo scontato rispetto a quello di listino, clicca su questo tasto per conoscere l'offerta.

POSTI RIMANENTI: 9


Con l'occasione, abbiamo fatto qualche domanda a Giacomo sul mondo del vlogging e sulla sua avventura.


Ci racconti l'episodio o la scintilla che ti ha fatto dire "Voglio fare un video al giorno"?


Fino al 2017 guardavo spesso creators su YouTube che realizzavano Vlog, mi affascinava l’idea di poter creare un “caro diario” attraverso la forma video. Era settembre, ero tornato dalle vacanze estive pieno di buoni propositi e tanta voglia di FARE.

In quei giorni finivo un libro chiamato “Buttati!" (di Gary Vaynerchuk, ndr). Quel libro è stata la scintilla che mi ha spinto ad uscire dalla zona di comfort.

Così ho deciso di passare da semplice spettatore a protagonista, abbracciando la sfida di raccontare una storia al giorno.


Come dici nel corso, una delle difficoltà più grandi da affrontare è il timore di essere giudicati, soprattutto da se stessi.

Tu come lo hai affrontato?

Ho sempre affrontato ogni singolo video con l’intenzione di condividere qualcosa di me. Senza sentire il bisogno di insegnare, semplicemente condividere. In questo modo si abbassano le aspettative e la paura del giudizio. Penso che chi ti giudica non conosce realmente chi sei e qual è il tuo percorso. Perciò va preso con le pinze dandogli il giusto peso. È molto importante ricordarsi il perché stai facendo ciò.

E soprattutto perché ne vale la pena. Se hai chiaro tutto questo, il giudizio degli altri diventa molto meno importante. Per non parlare del potenziale che hanno i contenuti video per fare marketing e supportare la comunicazione nel business. Per me è stato un modo per lavorare di più e meglio. Per i miei clienti un’ottima occasione per raccontarsi in modo creativo e alternativo.

Quindi alla fine...vale la pena? Io penso di sì.


Sono d'accordo, infatti la cosa che ci ha spinto a sposare il tuo progetto è l'enorme potenziale nascosto dietro lo storytelling, che per le aziende è davvero un toccasana.

Proviamo a dare 3 consigli ad una startup o una PMI che vuole iniziare a raccontarsi come fai tu.

  1. Rispondi a questa domanda: cosa vuoi comunicare? Il rischio è quello di perdersi e abbandonare tutto.

  2. Ricordati sempre che tu e il tuo modo di lavorare sono unici. Ogni brand o prodotto ha una storia che spesso non viene condivisa per paura di non piacere a tutti. In realtà creare una distinzione netta tra chi ti ama e chi no è alla base del branding. Ogni brand ha una sua storia, chi sta raccontando la tua? Avere il controllo di questa cosa fa tanta differenza.

  3. Concentrati sulle persone. I contenuti che crei hanno lo scopo di creare valore per gli altri: informazione, intrattenimento, formazione.

E se io volessi approfondire qualche tematica del tuo corso, ho modo di contattarti per richiederti una consulenza?


Assolutamente si, la mia email è info@giacomosisca.com e se vuoi entrare in contatto con me puoi trovarmi su tutti i social network con il nome Giacomo Sisca.



A questo punto ciò che mi resta da chiederti è uno spoiler. Cosa riserva l'annata 2019-2020 a VitaDaVideomaker e a Giacomo come storyteller, videomaker, docente, imprenditore...


Ho da poco aperto Storyplay, una media company che ha l’obiettivo di raccontare il dietro le quinte di chi ha a che fare con il video e il web. La serie Vita da Videomaker sta avendo un’evoluzione naturale e il palinsesto della prossima stagione è ancora più ampio e completo.

Tante storie, artisti, imprenditori, startup e produzioni audiovisive da raccontare.

Quindi...che il video sia con noi! 🤓

© 2017 by Ownidea Studio s.r.l.

Tutti i diritti sono riservati.

Società accreditata al portale d'acquisto MePA

sede operativa via Francesco Giangiacomo 20, Roma

sede legale via Cristoforo Colombo 440, Roma

P.IVA 14461351000

N° REA 1522496