Studiare recitazione a Los Angeles è davvero un sogno irrealizzabile?

Aggiornato il: 1 feb 2019


No. Andiamo un po' controcorrente dando subito la risposta al quesito posto nel titolo, perchè probabilmente ora sarà ancora più interessante procedere con la lettura, che sarà brevissima, e lascerà spazio ad una bella intervista.

Ma andiamo con ordine, questa è la storia di Roberto Luigi Mauri, classe '90, alto, biondo, occhi verdi e no, questo non è un sito di incontri. Roberto è un attore ci è venuto a trovare qualche giorno fa in Studio per realizzare con Giacomo una lunga intervista sulla sua esperienza di studio (e lavoro, ma non vi spoileriamo nulla) a Los Angeles, durata praticamente un anno.

Sono un tipico ragazzo italiano ma dai tratti nordici, che ama la famiglia e la compagnia. Il cinema e il teatro mi permettono di sognare, divertendomi in una professione così affascinante ed impegnativa. Sono per l'amore e per il bicchiere mezzo pieno.

Dice di sé nella piattaforma e-talenta, portale di riferimento per piccole e grandi case di produzione in tutta Europa quando si tratta di fare scouting.

Come ha potuto sostenere le cospicue spese di trasferta e sopravvivenza nell'accademia? Grazie al bando Torno Subito e ad altri 'piccoli' sacrifici che non vi sveliamo; sbobinare una chiacchierata così spontanea la priverebbe di senso, perciò lasciamo spazio al racconto di Roberto e alle domande di Giacomo e della sua community.


© 2017 by Ownidea Studio s.r.l.

Tutti i diritti sono riservati.

Società accreditata al portale d'acquisto MePA

sede operativa via Francesco Giangiacomo 20, Roma

sede legale via Cristoforo Colombo 440, Roma

P.IVA 14461351000

N° REA 1522496